Podologo San Giovanni a teduccio (Napoli) e Giugliano in Campania | Podologia Pacilio

Podologia Pacilio | Giugliano in Campania e San Giovanni a Teduccio (Napoli)

Fine vita, Papa Francesco: 'Moralmente lecito sospendere le cure non proporzionali'
novembre 17, 2017
Operato al cervello per un tumore mentre suona il clarinetto
novembre 18, 2017

Scoperto un sensore cellulare del colesterolo che tiene a bada le concentrazioni di questo grasso e potrebbe divenire dunque un nuovo bersaglio terapeutico in tutti i disturbi del metabolismo che portano a un aumento del colesterolo; se in eccesso, infatti, il colesterolo fa male non solo nel sangue ma anche a livello cellulare.
    Resa nota sulla rivista Cell, è la scoperta di un gruppo di scienziati della Harvard T. H. Chan School of Public Health di Boston.
    Il colesterolo nelle cellule resta sempre entro un delicato equilibrio per evitare carenze ed eccessi che possono danneggiare o dare tossicità alla cellula stessa, quindi agli organi. Finora erano noti solo dei sensori della carenza di colesterolo che rapidamente sopperiscono a questa carenza promuovendo la formazione di questo grasso fino al ripristino delle condizioni di equilibrio. In questo lavoro gli esperti hanno visto che esiste anche un sensore degli eccessi di colesterolo cellulare, una molecola che si chiama Nrf1 e che si appiccica al colesterolo in eccesso favorendone la degradazione. Gli scienziati hanno visto che, se Nrf1 non funziona, il fegato di topolini si allarga a dismisura e si riempie di colesterolo.
    Secondo i ricercatori Nrf1 potrebbe divenire un bersaglio di nuove terapie per tutti quei disturbi caratterizzati dal alterazioni della concentrazione di colesterolo.
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *