Podologo San Giovanni a teduccio (Napoli) e Giugliano in Campania | Podologia Pacilio

Podologia Pacilio | Giugliano in Campania e San Giovanni a Teduccio (Napoli)

Nuova convenzione medici famiglia, arretrati fino 9mila euro e tutele per le donne

  Firmato l’Accordo tra la Struttura interregionale sanitari convenzionati (Sisac) ed i sindacati dei medici di medicina generale. Lo rende noto la Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg), sottolineando che la nuova convenzione porterà nella busta paga dei medici il recupero degli arretrati economici per tutte le voci relativi al periodo 2010-17 e pari ad un importo che varia dai 4mila ai 9mila euro. Le somme saranno versate in due tranche, a partire da maggio. La convenzione della Medicina generale riguarda complessivamente circa 64mila medici, dei quali 45mila medici di famiglia. In arrivo, afferma il segretario Fimmg Silvestro Scotti, “la risposta alle aspettative passate di professionisti che erano fermi economicamente da 8 anni, ovvero gli arretrati economici per tutti i settori: medici di famiglia, di continuità assistenziale, di emergenza sanitaria territoriale e dei servizi territoriali. Ma arrivano anche sul normativo le prime importanti risposte per il futuro della medicina generale”.
    Particolari tutele per le donne medico in gravidanza – prevedendo che l’astensione obbligatoria per maternità non determini un ritardo nell’inserimento nella graduatoria – e per i giovani che acquisiscono il titolo di formazione specifica e’ fra le novità previste, spiega il segretretario generale (Fimmg) Silvestro Scotti. Si è previsto inoltre che le attività di continuità assistenziale, annuncia, “vengano svolte in sedi idonee, munite ad esempio di telecamere o meccanismi di allarme personali da parte del medico, a garantire la sicurezza soprattutto delle colleghe”.
“Non sono solo buone notizie – aggiunge Scotti – poiché quello che era sembrato risolvibile nel breve tempo, ovvero un aumento del numero delle borse attraverso l’uso dei fondi di piano finalizzati dal ministero della Salute a questo scopo, pare sia bloccato per opposizione di una sola Regione”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *