Podologo San Giovanni a teduccio (Napoli) e Giugliano in Campania | Podologia Pacilio

Podologia Pacilio | Giugliano in Campania e San Giovanni a Teduccio (Napoli)

Novartis acquista americana AveXis per 8,7 mld dollari
aprile 9, 2018
Boom dei tumori oro-faringei, +250% nuovi casi in 10 anni
aprile 11, 2018

Da settembre a oggi salgono a 744 i casi gravi dovuti al virus influenzale che hanno reso necessario il ricovero in terapia intensiva, tra cui anche 15 donne in gravidanza. Mentre almeno 160 sono le persone decedute. Ad aggiornare le stime delle ‘vittime da influenza’ è Flunews, il Rapporto della sorveglianza integrata a cura dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e relativo alla 13/ma settimana del 2018. Una settimana che vede l’influenza che continua a scendere e comincia ormai ad “essere sporadica”.

Da inizio stagione sono 2 le donne in gravidanza e 11 bambini con meno di 14 anni morti a causa dell’influenza. Per la prima volta dalla stagione 2009/2010, inoltre, quest’anno “tutte le regioni, escluso il Molise, riportano la presenza di casi gravi confermati di influenza ricoverati in terapia intensiva”. E i numeri potrebbero essere anche molto più alti, precisano gli esperti, perché quelli oggi disponibili riguardano solo i casi in cui il virus è stato confermato da esame di laboratorio.

Dei casi gravi segnalati, il 58% era di sesso maschile, con età media di 60 anni. L’84% presentava almeno una condizione di rischio che poteva predisporre il complicarsi delle condizioni cliniche come diabete, tumori, malattie cardiovascolari o respiratorie croniche. Tra i ceppi circolanti, a esser responsabile delle prognosi peggiori è quasi sempre il virus A/H1N1pdm09 che può provocare polmonite primaria, quando arriva direttamente ai polmoni o può indebolire l’organismo rendendolo più esposto a infezioni batteriche, come la polmonite da pneumococco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *