Podologo San Giovanni a teduccio (Napoli) e Giugliano in Campania | Podologia Pacilio

Podologia Pacilio | Giugliano in Campania e San Giovanni a Teduccio (Napoli)

Nessuna scusa per Weinstein, dipendenza da sesso non esiste
ottobre 26, 2017
Pistacchi in aiuto alle donne in gravidanza con diabete gestazionale
ottobre 27, 2017

Per la piccola Elisa si sono mobilitati in tanti e da tutto il mondo. Diecimila, cinquantamila secondo qualcuno vicino alla famiglia e che in qualche modo tiene i conti e i rapporti della pagina facebook che sostiene il caso, “Salviamo Elisa”. Elisa, tre anni, di Pordenone, soffre di leucemia ed è ricoverata al ‘Bambin Gesù’ di Roma, assistita dai genitori Fabio e Sabina, oltre che, ovviamente, dai sanitari.
    Per lei si sono già attivati tanti personaggi dello spettacolo, da Fiorello ad Anastacia, che hanno a loro volta invitato i rispettivi fan a recarsi nei centri specializzati per la tipizzazione.
    Le sue ”condizioni sono stabili” e non necessita di un trapianto urgente, precisano pero’ dal centro nazionale trapianti assieme al Registro IBMDR (Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo), d’intesa con le associazioni ADMO e ADOCES, e all’ ospedale Bambino Gesu’, dove i centrali sono presi d’assalto da chi si offre come donatore. Puntualizzando che ”sono stati già individuati alcuni donatari potenzialmente compatibili e altri sono in fase di studio” e che, tuttavia, la ricerca sta comunque andando avanti per ricercarne uno con la massima compatibilità. ”Le condizioni cliniche della bimba, attualmente in trattamento farmacologico, sono stabili e non richiedono un trapianto di cellule staminali emopoietiche in condizioni di urgenza; come previsto dai protocolli clinici, in questo intervallo di tempo si è già proceduto a ricercare dei potenziali donatori”, è spiegato in una nota.
    La ricerca di un donatore volontario, nel caso in cui si rendesse necessaria questa terapia, è assicurata dal Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo – IBMDR che ha sede presso gli Ospedali Galliera di Genova. Una ricerca planetaria poiché il Registro italiano è collegato ai Registri di tutto il mondo e procede ad interrogarli seguendo protocolli nazionali e internazionali, come avviene per ogni singolo paziente che ha bisogno di un trapianto.
    Se la “struttura in cui la bimba è in cura è uno dei centri pediatrici a livello nazionale e internazionale con maggiore esperienza in questa procedura”, come precisato nella nota, si invitano anche i giovani ad iscriversi al Registro IBMDR e di lavorare insieme alle associazioni di settore ADMO e ADOCES. La nota sottolinea che “la donazione è un gesto di solidarietà e responsabilità civile, che auspichiamo possa entrare nella quotidianità delle nuove generazioni, a vantaggio di chiunque ne abbia bisogno, e non come gesto finalizzato al singolo paziente”. Chi è interessato a iscriversi al Registro IBMDR, può contattare il centro donatore più vicino. La lista completa dei centri è consultabile a questo link: http://ibmdr.galliera.it/organizzazione/centri-donatori. Oppure può mettersi in contatto con le Associazioni di settore: www.admo.it e www.adocesfederazione.it.
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *