Podologo San Giovanni a teduccio (Napoli) e Giugliano in Campania | Podologia Pacilio

Podologia Pacilio | Giugliano in Campania e San Giovanni a Teduccio (Napoli)

Biotestamento, Lorenzin: "Garantirò obiezione di coscienza"
dicembre 21, 2017
Con la legge sull'obbligo per le iscrizioni a scuola recuperato 30% bimbi non vaccinati
dicembre 22, 2017

 Dall’uomo nel cui stomaco sono stati trovati oltre 100 pezzi di metallo a quello con un calcolo renale di 800 grammi alla signora inglese nel cui occhio sono state trovate 27 lenti a contatto, anche nel 2017 ci sono stati diversi casi ‘strani’ descritti dalle riviste mediche. Il sito Lifescience ha raccolto i dieci più bizzarri, tra cui figura anche quello della donna di Firenze che sudava sangue.

    Tra i casi descritti c’è pure quello di una modella di 24 anni che si è fatta tatuare la sclera, la parte bianca dell’occhio, provocandosi dei danni permanenti e quello, descritto sul New england Journal of Medicine, di un ragazzo di 11 anni di Cipro che si è infilato due magneti nelle narici che hanno iniziato ad attrarsi, provocando una emorragia. Dalla Cina viene invece il caso, descritto su Medicine, di una donna la cui spirale era riuscita a risalire fino alla vescica. Sempre di oggetti ‘estranei’ si parla in un articolo di novembre su JAMA Ophthalmology, in cui si descrive un uomo a cui un proiettile calibro 22 si è infilato nell’occhio ed è stato poi rimosso senza provocare danni. Lieto fine anche per una donna i cui capelli erano finiti in un macchinario che le ha letteralmente strappato via lo scalpo.

Un intervento, descritto su BMJ Case Reports, glielo ha riattaccato perfettamente. Ha avuto grande risonanza mondiale anche il tatuaggio trovato su un uomo portato privo di sensi al pronto soccorso in Florida, che aveva tatuata sul petto la sigla ‘Dnr’, ‘non rianimare’. “Essendo limitate a casi singoli – precisano gli esperti del sito – queste descrizioni non hanno il rigore di studi scientifici con centinaia di soggetti. Ma questi report possono aiutare i medici a riconoscere malattie rare o a trovare segni inusuali di condizioni più comuni, e possono anche rivelare i potenziali effetti avversi di procedure o trattamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *